Gemellaggio Velden am Wörther See – Gemona del Friuli

LA STORIA DEL GEMELLAGGIO

Nel 1955 l’Austria ritornò ad essere uno Stato indipendente e libero e anche in Carinzia fu forte la volontà di riprendere i contatti con gli Stati confinanti, in particolare con l’Italia.

A Velden am Wörther See, il croupier del Casinò di allora, Hans Polzer, durante i suoi viaggi in Italia, rimase particolarmente colpito dalla bellezza della città di Gemona del Friuli e soprattutto dall’ospitalità della popolazione. Della piccola cittadina friulana Polzer ebbe il piacere di apprezzare le cantine rifornite di buon vino e le tipicità gastronomiche offertegli dai Gemonesi, con i quali da subito strinse buoni rapporti di amicizia, grazie ai quali nel corso degli anni vennero organizzati reciproci incontri e scambi tra le Comunità.

Heinrich Ebner (1911-1998), che fu Sindaco di Velden dal 1954 al 1964, si innamorò anch’egli di questa “Perla del Friuli” e iniziarono visite a livello privato e in seguito visite di delegazioni ufficiali degli amministratori di Velden a Gemona e viceversa.

Nel 1958 ci fu il primo incontro ufficiale a Gemona tra il Sindaco della cittadina friulana, Senatore Luciano Fantoni, e il Sindaco di Velden Heinrich Ebner e la sua delegazione.

Di questo incontro non ci sono documenti ufficiali, ma alcune foto private lo testimoniano:

Il risultato di questi incontri fu l’inizio del gemellaggio.

Il consolidamento del gemellaggio e dell’amicizia tra i due comuni continuò con i successivi sindaci della città di Gemona, partendo da Ivano Benvenuti e Claudio Sandruvi, e i loro successori: Adriano Londero, Virgilio Disetti, Gabriele Marini, Paolo Urbani e Roberto Revelant. A Velden i sindaci che si susseguirono furono Walter Pippan (1914-1994), durante il suo mandato di allora dal 1964 al 1973, Valentin Petritsch dal 1973 al 1997, Werner Marinell nel 1997 e da allora fino ai giorni nostri Ferdinand Vouk.

Una prima grande dimostrazione del forte legame tra i due comuni avvenne in occasione del terremoto che colpì la cittadina friulana nel 1976. Il rapporto di amicizia tra Velden e Gemona toccò il massimo dell’espressione con il Sindaco Valentin Petritsch, che con eccezionale prontezza decise di aiutare la popolazione di Gemona. Gli aiuti alla popolazione terremotata arrivarono da tutta la Carinzia e dall’Austria in generale.

Il Comune di Velden decise il 25 maggio 1976 di istituire un aiuto immediato alla popolazione colpita dal terremoto, con un ammontare pari a 200.000 scellini; a questa somma si aggiunse il contributo che i cittadini di Velden vollero dare alla città gemellata, pari a circa 300.000 scellini. Un ulteriore somma in denaro e di materiale di prima necessità, equivalente a circa 1.000.000, fu conferito il 15 ottobre 1976.

(I testi sono interamente tratti dal fascicolo “50 Jahre Partnerschaft Velden am Wörtersee – Gemona dal 1958 al 2008” di Karl Frick e Hans Viertel)

Il Gemellaggio, visti soprattutto questi eventi, è molto solido soprattutto a livello istituzionale, ma anche le Comunità, grazie in particolar modo a iniziative culturali e sportive, hanno numerose occasioni di incontro e scambio.

Ovviamente l’amicizia fra le popolazioni non si può “ordinare”, va coltivata affinché porti nuove opportunità di sviluppo e di crescita per tutti.

Sicuramente il 60. Anniversario del gemellaggio può essere considerato anche un nuovo inizio!

Anno 2018: a Velden a Gemonaplatz con il Sindaco di Velden Ferdinand Vouk, il Sindaco di Gemona Roberto Revelant, il Vice Sindaco di Gemona Loris Cargnelutti e l'Assessore Flavia Virilli.
Anno 2018: a Velden a Gemonaplatz con il Sindaco di Velden Ferdinand Vouk, il Sindaco di Gemona Roberto Revelant, il Vice Sindaco di Gemona Loris Cargnelutti e l’Assessore Flavia Virilli.

 

→ Vai al sito del Comune di Velden am Woerther See ←

Print Friendly, PDF & Email